Tech Gaming Report

Latest Tech & Gaming News

Coronavirus, assessore Sanità Lazio: "Mettere in quarantena i bangladesi che arrivano a Fiumicino o rischiamo epidemia di ritorno"

Coronavirus, assessore Sanità Lazio: “Mettere in quarantena i bangladesi che arrivano a Fiumicino o rischiamo epidemia di ritorno”

Ore 19 – iscriviti alla e-newsletter e
ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

“Bisogna trovare il modo di much fare la quarantena ai bangladesi che arrivano a Fiumicino. Il rischio è un’epidemia di ritorno”. Alessio D’Amato, assessore alla sanità del Lazio, è molto preoccupato. E con lui tutta l’unità di crisi regionale che presiede e di cui fanno parte emissari dell’Istituto Spallanzani e dell’Istituto superiore di sanità. La gran parte dei casi di positività al Sars-Cov-2 registrati a Roma da un mese a questa parte ha occur link epidemiologico persone in arrivo dal Bangladesh, dove l’epidemia Covid è ancora nella sua fase acuta. E proprio a Roma si trova la più importante comunità bangladese in Italia, con oltre 36mila persone, di cui quasi la metà sono “stagionali”, dei “pendolari” che si appoggiano a parenti e connazionali, spesso stipati in posti letto affittati da italiani al limite della regolarità, for each lavorare 3-4 mesi all’anno soprattutto in ristoranti, alberghi e stabilimenti balneari.

Altri bangladesi positivi ricoverati all’Umberto I – Dopo i focolai dei owing bistrot sul litorale romano, scatenati proprio da due ragazzi arrivati pochi giorni prima dal Paese asiatico, ancora ieri al Policlinico Umberto I di Roma sono stati ricoverate altre tre persone arrivate da Dacca, tra cui un ragazzo trovato positivo solo grazie a un controllo di program in seguito a un incidente stradale. Inoltre è stato trovato positivo un bimbo di 10 mesi rientrato con la famiglia dal Pakistan. “Dobbiamo stringere i controlli sulle provenienze dal Bangladesh”, avrebbe detto D’Amato in un colloquio telefonico avvenuto nella mattinata di venerdì con Marco Troncone, amministratore delegato di Aeroporti di Roma, la società che gestisce lo scalo aereo internazionale di Fiumicino. Qui durante la settimana arrivano tre voli dalla Capitale bangladese e tutti con scalo a Doha o a Istanbul. L’idea è quella di intercettare queste persone in aeroporto e portarli direttamente in strutture alberghiere messe a disposizione nei pressi dello scalo romano, un po’ arrive accadeva con i crocieristi “incastrati” in città durante il lockdown.

READ  Around 200 Black Panther comedian publications are now accessible for free of charge obtain

Tamponi a tappeto alla comunità bangladese in Italia: “Favorevoli a restrizioni” – Anche perché, occur detto, l’emergenza preoccupa in primis gli oltre 20mila bangladesi “stanziali” che si trovano nella Capitale, impiegati soprattutto nella ristorazione e nel commercio al dettaglio (ambulanti e minimarket). La Asl Roma 2, competente for every il quadrante sud-est della città, dove vivono la gran parte dei bangladesi romani, ha invitato i componenti della comunità a effettuare tamponi a tappeto, a partire da lunedì 6 luglio, presso il push-in di via Nicolò Forteguerri, in zona Largo Preneste. Si parla di una comunità un po’ chiusa ma che punta molto sul mutuo soccorso. E dunque si espone direttamente al contagio. “Chi cerca di arrivare dal Bangladesh in Italia oggi lo fa for each because of motivi – spiega Mohamed Taifur Rahman Shah, presidente dell’Associazione Italbangla – Il primo è for each tornare sul luogo di lavoro. Il secondo è più preoccupante ed è collegato alla diffusione del coronavirus nel loro Paese, che ha toccato i 140mila casi”. Una specie di fuga di massa, in quanto “il governo del Bangladesh è irresponsabile e non riesce a dare risposte. Non ci sono tutele for each la salute, heal mediche, è il considerably west”. Shah si dice poi “estremamente favorevole a controlli più rigidi sugli arrivi dal Bangladesh”. E dunque anche alla quarantena forzata.

Il problema degli arrivi attraverso gli scali – In questa fase della gestione dell’emergenza coronavirus, a Roma diventa dirimente risolvere il problema degli arrivi al ‘Da Vinci’. Anche perché non c’è solo il Bangladesh a preoccupare, ma anche arrivi più “strutturati” come quelli dal Brasile e dagli Stati Uniti, altri Paesi ancora duramente colpiti dal Covid. Nella giornata di mercoledì, Ilfattoquotidiano.it ha intercettato alcuni passeggeri provenienti da San Paolo e da Miami, attraverso scali effettuati rispettivamente a Lisbona e a Francoforte. Il cambio di aereo e – nel secondo caso – di compagnia, ha però azzerato in qualche modo l’obbligo di effettuare la quarantena di legge, in quanto formalmente la partenza è avvenuta in un paese dell’Unione Europea. Starebbe dunque alla coscienza del singolo rispettare i 15 giorni di isolamento. “Ma certo che non farò la quarantena”, ci dice chiaramente Franco, 52 anni, con moglie brasiliana al seguito: “Se avremo dei sintomi li comunicheremo al medico. Questa storia del lockdown è una farsa, Bolsonaro ha salvato l’economia del Paese. I morti? Ce li abbiamo avuti anche noi”. La pensano diversamente Maurizio e Laura, che con i loro figli hanno trascorso 20 giorni in Florida: “Siamo partiti per non perdere i soldi del viaggio – raccontano –, ma ora faremo la quarantena. Non vogliamo fare danni”.

READ  Rocket League Streamer Seemingly Shocked By Lightning Strike For the duration of Stream

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai arrive in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche for each questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, movie e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il growth di accessi. For each questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it


Sostieni adesso


Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Coronavirus, aumentano i contagi: 223 nelle ultime 24 ore. 15 vittime, la metà rispetto a ieri

next

READ  Draxler's slow goal is the depleted PSG's first league 1 win


Articolo Successivo

Coronavirus, Iss-Ministero: “Situazione positiva, ma provide attenzione”. Rezza: “In alcune Regioni numero rilevante di focolai”

next